Corde Elixir : test “on the road”

Ho “finalmente” finito di testare le corde Elixir; per chi non le conoscesse ancora: le corde Elixir sono speciali corde prodotte con un brevetto (credo proprio dalla stessa D’Addario ) che consiste nell’ aggiunta di goretex alla normale formulazione dell’acciaio e, con una particolare struttura a “nanotubi”, cioè una microstruttura fatta di sottili e resistentissimi filamenti vuoti la cui misura del diametro è intorno al nanometro. A detta del produttore, queste due caratteristiche eviterebbero qualsiasi forma di “ruggine” vera e propria sulla corda, così come anche l’ accumulo di altre forme di ossido ( dovute alla sudorazione delle mani ) e garantirebbe in questo modo una lunghissima vita alla corda.

C’è chi le ama e chi le odia ( a causa della maggiorazione del prezzo e ritenendole inutili ) ed ero profondamente interessato a capirne di più.

Detto questo , passiamo al test “su strada”.

Il test è stato estremamente semplice, dovevano durare almeno il doppio delle altre per fare una patta in temini di prezzo : io infatti normalmente uso D’Addario e con l’uso che ne faccio io ( relativamente intenso ) mi durano circa 12-14 settimane nei mesi invernali e freddi e soltanto 3-4 settimane nei mesi attuali, cioè quelli caldi. Devo dire che ho una mano che suda abbastanza evidentemente, e le corde si sporcano con grande facilità e anche il manico di conseguenza. La tenuta dell’ accordatura è comunque sempre buona per quel lasso di tempo.

Ho deciso di spendere il doppio ( circa 17-18 euro ) rispetto alle D’Addario ( 9 euro circa ) per provare le Elixir alcuni mesi or sono e devo dire che i risultati sono grandiosi. La durata delle corde è stata interminabile ( più di 8 mesi, cioè oltre 42 settimane) e penso che se non fosse arrivato il caldo e il sudore , sarebbero ancora lì, montate e perfette. L’ accordatura non ha mai risentito ed anzi, sono state quelle che mi hanno davvero dato meno problemi in assoluto per tutta la durata del tempo in cui sono state montate. Non ho sinceramente avvertito differenze sul sound ( a parità di spessore ), che si è mantenuto buono fino alla fine, specie per chi come me non ama il suono delle corde iper-nuove, ma almeno usate qualche ora. Alla fine lo ho smontate esclusivamente per la dignità della chitarra, in quanto le corde sporche non sono il massimo e pulirle ( anche con l’ uso del Fast Fret ) non contava più ormai; restavano pulite nemmeno un oretta .

Insomma, devo dire che sono contento e che nel mio caso mi hanno dato grosse soddisfazioni, infatti ho acquistato altre due mute …

Voi che ne pensate ? diteci la vostra sul FORUM.

Vu 🙂

Vu-meter Written by:

Ha collaborato in ambiti musicali e multimediali a livello professionale. Amministratore del portale e del forum di Jamble. Insegna chitarra ed armonia con lezioni private e/o via zoom, google meet, skype, ecc...